titolo scheda libro.GIF (968 byte)


  Inserisci nel carrello  
     
  Idee per l'architettura  
     
     
Autore/i: Gaudì Antoni 

Sottotitolo: Scritti e pensieri raccolti dagli allievi
Seconda edizione

Prezzo: Euro 29,00

Argomento: Architettura / Architecture: history and new directions

Commento:

La figura e la produzione dell’architetto catalano Antoni Gaudí (1852-1926) sono ormai notissimi al più vasto pubblico; è conosciuta soprattutto la sua cattedrale, il tempio espiatorio della Sagrada Família, che non finisce di stupire, sconcertare e affascinare quanti ne visitano il cantiere ancora aperto e attivissimo. Del geniale architetto, sorprende la fantasia inesauribile e disinibita, il gusto gioioso della decorazione, l’inventiva strutturale, l’accalorata valorizzazione delle tematiche religiose: in una parola il talento di inventore di spazi e forme che parla a tutti in un linguaggio che innova, senza rompere i ponti con la tradizione culturale europea. Gaudí non ha svolto attività di scrittore militante; di lui ci restano solo alcuni brevi e significativi testi giovanili, ma ha parlato a lungo ai giovani studenti di architettura che andavano a cercarlo, negli anni della sua maturità, quando si era quasi isolato dal mondo circostante per dedicarsi, senza riserve ed esclusivamente, alla progettazione del grande tempio.
Le conversazioni riguardavano la sua concezione dell’architettura, delle arti figurative, della geometria, della progettazione, della statica degli edifici, il suo rapporto con la natura, l’identificazione con la cultura mediterranea, i suoi edifici (la casa Calvet, la Milà, il parco Güell, ecc.). Ai giovani parlava anche di umanità, consegnava la filosofia della vita, la saggezza, che aveva maturato negli anni. Soprattutto - possiamo facilmente immaginarlo - parlava della grande chiesa che gli era toccato in sorte di progettare e costruire, ne descriveva ogni parte, ne individuava i rapporti con la liturgia, la religione, la sua sensibilità. Si proponeva così come l’iniziatore di una grande impresa non soltanto e non soprattutto sua, ma appartenente al popolo catalano, che altri avrebbe dovuto portare a termine. Gli allievi si sentirono investiti dell’eredità del maestro; decisero non solo di tentare il completamento della Sagrada Familia, ma anche di raccogliere e trasmettere i suoi pensieri, come frammenti di discorsi certamente più vasti, dotati di forte suggestione sapienziale.
Uno di questi, Isidre Puig Boada (1891-1983) ne organizzò una gran parte nel volume di cui qui si presenta la prima traduzione dal catalano. La singolare organizzazione del testo, il suo carattere testimoniale, la freschezza e varietà di temi trattati, la ricchezza di spunti illuminanti, l’opera complessiva dell’architetto e le questioni d’architettura per lui più rilevanti, ne fanno uno strumento di fondamentale importanza per conoscere, quasi dal vivo, i punti sorgivi dell’invenzione gaudiniana.


Anno di pubblicazione:  1995

Ristampa / N.ediz.: Ottobre 2011

Pagine: 352

Collana: Di fronte e attraverso

Sottocollana: Saggi di Architettura

Disponibilità: Disponibile

ISBN (a 13 cifre): 978-88-16-40376-5