titolo scheda libro.GIF (968 byte)


  Inserisci nel carrello  
     
  Scipione l'Africano  
     
     
Autore/i: Geerts Walter 

Altri Autori: Bossu Charles
Caciorgna Marilena

Sottotitolo: Un eroe tra rinascimento e Barocco
Atti del Convegno di studi a Roma
Academia Belgica, 24-25 maggio 2012

Prezzo: Euro 34,00

Argomento: Arte / Fine Arts - World Arts

Commento:

Il tema di questo volume scaturisce dal gruppo di sei arazzi conservati nell’Academia Belgica di Roma, parziale riedizione della serie di 22 pezzi raffi guranti le gesta e il trionfo di Publio Cornelio Scipione, detto l’Africano, il vincitore di Annibale. Tessuti aBruxelles su modelli di Giulio Romano, assistito da Gianfrancesco Penni, furono acquistati da Francesco I e bruciati durante la Rivoluzione francese per recuperarne i fili d’oro e d’argento. I sei pezzi dell’Academia Belgica, realizzati a Bruxelles verso la metà del XVI secolo, ne costituiscono una delle più antiche riedizioni, che appartenne a Ippolito d’Este. L’arazzo del Rinascimento e del Barocco è un artefatto che pone tante domande: chi ha dato la commissione per il tema specifico,Scipione l’Africano? Chi ha «inventato» il programma delle scene? Quali sono le fonti, antiche e moderne, dipinte e letterarie, che hanno ispirato il programma? Per quale motivo, con quali intenti, per quale «pubblico» fu scelto il tema? Come nasce il «mito» che si va costruendo intorno a Scipione? E che ne avviene nei secoli successivi? Il libro riflette questa molteplicità e varie discipline si danno la mano: storia dell’arte, storia antica e moderna, filologia, storia della letteratura e del teatro. E del cinema, giacché si conclude con il raffi nato Scipione di Luigi Magni, regista scomparso nel 2013.


Anno di pubblicazione: Luglio 2014

Pagine: 348

Collana: Arte

Disponibilità: Disponibile

ISBN (a 13 cifre): 978-88-16-41258-3